Xavier Rudd

Xavier Rudd
  • Rock
  • Cantante, polistrumentista ma anche surfista, ecologista e pacifista. Signore e signori, ecco Xavier [... altro]

Let Me Be

Cantante, polistrumentista ma anche surfista, ecologista e pacifista. Signore e signori, ecco Xavier Rudd.
Nato nel 1978 a Torquay, nello Stato di Victoria in Australia, e cresciuto nelle vicinanze di Bell's Beach (la spiaggia resa famosa dal film "Point Break"), Xavier Rudd si avvicina alla musica grazie al padre che amava canticchiare e ascoltare Neil Young e Paul Simon. Sarà perché buon sangue non mente (i nonni di Xavier erano un pianista e un cantante), ma quando il fratello maggiore comincia a strimpellare la chitarra il piccolo Xavier si diverte ad accompagnarlo suonando strumenti diversi e, per un certo periodo, segue anche delle lezioni di musica. Ma l'australiano è uno spirito libero e così si allontana dall'istruzione musicale classica e inizia a suonare la chitarra nel modo che lui ritiene essere quello più naturale.
Il suo crescente interesse per la musica e per la storia locale lo fa presto appassionare a strumenti particolari come il didgeridoo, fiato usato dagli aborigeni, e tante altre stranezze. Ciò che gli cambia la vita, come ama ricordare lui stesso, è il concerto di Paul Simon a cui lo porta il papà: mentre l'artista si esibisce il bambino, che ha solo 10 anni, capisce che lui farà in cantante. Così scrive i primi pezzi e si esercita con la chitarra sulle canzoni di musicisti come Leo Kottke, Ben Harper, Natalie Merchant e il multi-strumentista David Lindley, ma anche con il misterioso mondo della musica hawaiana e nativa americana.
Durante gli anni passati sui banchi di scuola, tra una surfata e l'altra, prova a mettere su una band ma capisce ben presto che il suo ruolo è quello di multi-strumentista che si esibisce da solo. Nel 2002, durante un viaggio nella città natale della moglie in Canada, trova finalmente lo strumento che aveva sempre cercato: la chitarra Weissenborn, un tipo di strumento che risale ai primi anni del Novecento costruito con il legno hawaiano di koa e dotato di una cassa di risonanza anche sotto il manico. Rudd inizia a esibirsi in giro per la Columbia Britannica e successivamente in Australia. Lo stesso anno esce l'album di debutto autoprodotto "To Let", seguito nel 2004 da "Solace", il primo che ha una distribuzione internazionale.
Xavier passa gli anni che seguono tra il surf, che per lui, pacifista ed ecologista convinto, è anche una vera e propria filosofia di vita, e la musica, riuscendo a esibirsi a importanti festival internazionali. I suoi live lasciano senza fiato: il cantante surfista è capace di suonare chitarra acustica e Weissenborn contemporaneamente a tre didgeridoo montati su altrettanti sostegni. Finalmente il suo terzo album, "Food In The Belly" (2006), arriva anche sugli scaffali dei negozi italiani e il pubblico mostra di apprezzare il sound di questa straordinaria one-man-band che unisce folk, blues, rock e reggae, ma anche suoni della natura e del deserto australiano.